Deontologia

Il decalogo (anche se poi non sono 10…) del buon motocivico

Vorremmo radunare qui alcune regole di buon comportamento e alcuni consigli per aumentare il rispetto nei confronti della nostra categoria, i motociclisti, al momento un po’ bistrattata sia dalla gente comune che dai media. Chiediamo un aiuto ai lettori, accettiamo consigli, aggiunte e segnalazioni, mandate mail al curatore della pagina (in fondo).

Principi generali

  • Rispetta chi ti rispetta
  • Sii un buon esempio, ogni volta che ti comporti male in moto stai screditando tutta la categoria.
  • Sii un buon cittadino
  • La maggior parte degli incidenti subiti da un motociclista è da imputare alla controparte, quindi massima attenzione a cosa fa chi ti sta attorno

Decalogo

  1. Il marciapiede non è la “corsia riservata ai mezzi a due ruote”. Non va usato per saltare una coda. Se dovete percorrere un marciapiede (ad es. per posteggiare) fatelo a passo d’uomo e dando precedenza ai pedoni.
  2. Evita modifiche al mezzo che siano di disturbo per gli altri (ad es. scarichi rumorosi).
  3. Chiunque può sbagliare. Cerchiamo di essere comprensivi, specialmente con gli automobilisti, guadagneremo rispetto, forse.
  4. Rispetta il codice della strada, anche quando è assurdo (come purtroppo spesso è, es. certi limiti di velocità o certi divieti di circolazione solo per i motoveicoli), ovviamente poi segnalerai alle autorità competenti le situazioni anomale.
  5. Ringrazia chi ti fa un favore (es. quando ti viene data strada)
  6. Cerca, se possibile, di educare chi sbaglia (es. ciclisti contromano, pedoni fuori dalle strisce, parcheggi auto “creativi”) usando toni pacati.
  7. Ai semafori rossi non superare la riga d’arresto ostacolando i pedoni, ti farai degli amici :)
  8. Se un pedone è fermo in attesa di attraversare sulle strisce pedonali, fermiamoci e lasciamolo (invitiamolo a) passare anche se si deve passare da una velocità “di crociera” a 0 km/h. Si perdono 3 secondi ma: 1. molto spesso ci si guadagna un sorriso; 2. è un “dare” di iniziativa, e la gente inconsciamente lo registra e lo associa a “motociclista”; 3. Le macchine che seguono o procedono affiancate si accorgono dell’evento e a) sono (o dovrebbero essere) costrette a fermarsi anche loro; b) magari gli automobilisti riflettono sull’evento e la volta successiva frenano d’iniziativa
  9. Se proprio si vuol fare lo zig-zag tra le macchine in coda, almeno lo si faccia con buon senso, senza fare il “pelo” alle macchine ferme o che si stanno muovendo lentamente e senza tagliare loro la strada, quando riprendono la marcia: è un atteggiamento che fa imbestialire gli automobilisti; della serie: se si passa, si passa, altrimenti si aspetta qualche secondo in più.
  10. … (suggerite)

A cura di atrent su suggerimenti di tutti.

Flattr this!

3 Comments to Deontologia

Leave a Reply