SosTrafficoMilano a proposito del PUMS…

Posted by atrent on May 14, 2015
Generale / No Comments

L’amico Enrico Engelmann ha pubblicato un ottimo commento al PUMS (“Piano Urbano Mobilità Sostenibile”, già il nome fa incazzare…) della giunta milanese!

 

Flattr this!

Il Corriere alla crociata contro i motociclisti

Posted by tama on April 21, 2015
Generale / No Comments

A Milano mancano i parcheggi per le moto e c’è sicuramente un problema di civiltà, che però non è legato ai conducenti di due ruote.

Al Corriere hanno pensato bene di prendere la palla al balzo con un articolo di Ilaria D’Amico (Amico forse delle mamme antismog) in cui si evidenzia il problema e si rilancia una bella crociata anti scooter e moto, perché da un po’ di tempo nessuno si prendeva la briga di farlo. D’altronde non paghiamo né Area-C né il parcheggio, possono farcela passare liscia i sostenitori del tutto vietato e niente gratuito?

Così si evidenzia, giustamente, come ci siano mezzi che ostacolano il passaggio dei pedoni o che invadano in marcia il loro spazio, ma questi mezzi sono solo scooter, ovviamente non si parla delle bici legate di traverso agli archetti o raggruppate intorno ai pali. E anche nella prima periferia, sui marciapiede ci sono solo moto, neanche un’auto…

Per calcare la mano si sottolinea come “L’impunità delle due ruote fa persino dimenticare che anche loro hanno un impatto sull’ambiente”, a dimostrare quanto i giornalisti negli ultimi 15 anni hanno capito niente di tutto quello che si è detto che anche le loro testate hanno scritto.

Ovviamente in uno scenario del genere non potevano mancare i Genitori anti-smog, che hanno avuto la bella pensata di chiedere anche di cancellare i parcheggi legali già presenti su alcuni marciapiede. Se c’è un problema perché cercare di risolverlo quando si può eliminare alla radice la causa con una bella purga staliniana di quelle che a lor signori frustrati piacciono tanto?

A concludere la carrellata di idiozie dice la sua anche un consulente di PUMS in vari capoluoghi (e questo dice tutto…) che considerando il tasso di incidentalià delle moto superiore di 88 volte a quello delle auto suggerisce di togliere il lasciapassare per le preferenziali: così hanno via libera tutte le auto e i pullman che sorpassano con la striscia continua!

Parafrasando l’articolo “la troppa libertà ha preso la mano”: sarà per questo che tutti quelli che hanno in testa un’idiozia prendono parola.

Flattr this!

16° Memorial Spadino ed è quella del 19 aprile 2015

Posted by Birubiru on April 07, 2015
CIM, Manifestazioni / No Comments

La data è stata fissata per il 16° Memorial Spadino ed è quella del 19 aprile 2015.

Alle ore 9.30 l’apertura del piazzale Grivel (Piazzale Ex Patinoire) a Courmayeur, Valle d’Aosta.

Dalle ore 11.00 aprirà il servizio di ristorazione presso il Centro Servizi vicino agli impianti sciistici con costi convenzionati dal Coordinamento Italiano Motociclisti.

Alle ore 14.00 avrà inizio la cerimonia di commemorazione di Pier Lucio Tinazzi più noto come “Spadino”.

Alle ore 14.30 sarà a disposizione dei motociclisti che parteciperanno un rinfresco offerto da GEIE (Società che gestisce il tunnel del Monte Bianco).

Per i “motards” amici della FFMC il tunnel sarà gratuito  in occasione dell’evento: un grazie per la loro gradita e costante presenza!

Speriamo che i motociclisti italiani partecipino numerosi a questa commemorazione, che vuole ricordare lo spirito di solidarietà dimostrato da Pierlucio Tinazzi, detto Spadino, quando il 24 Marzo 1999 si impegnò cercando di aiutare le persone intrappolate da un incendio nel tunnel del Monte Bianco, perdendo la vita in questo gesto.

Ci auguriamo che sappiate distinguere un raduno da una commemorazione, che vogliate partecipare anche se non è più al piazzale del tunnel ma a Courmayeur, anche se per cause di forza maggiore abbiamo dovuto spostare la data della manifestazione a metà Aprile.

Riusciranno i motociclisti italiani a capire che la sostanza di questa commemorazione non cambia, anche se ci si sposta di qualche centinaio di metri dal luogo dove si è tenuta la manifestazione per quattordici anni, anche se la data è stata spostata di qualche settimana rispetto al solito?

Oppure resteranno imprigionati dalla apparenza, ritenendo che averla spostata di qualche centinaio di metri e di un paio di settimane stravolga il concetto della manifestazione.

A noi sarebbe piaciuto potere mantenere data e luogo, ma il traffico generato dalla manifestazione era diventato ingestibile sul piazzale del tunnel. Per noi questa commemorazione era troppo importante per rinunciarvi, per noi la sostanza della manifestazione è ricordare quanto è avvenuto, e può essere fatto anche a qualche centinaio di metri di distanza e un paio di settimane dopo.

Chi saprà cogliere il vero senso della manifestazione vorrà partecipare comunque: vi aspetteremo per salutare ancora una volta con i caschi alzati.

Ogni motociclista porti un fiore!

IN ALTO i caschi!

Marco Polli Presidente del Coordinamento Italiano Motociclisti

Flattr this!

Tags: , , , ,

Il nostro nuovo amico!

Posted by tama on January 07, 2015
Demagogia, Generale / No Comments

Dal sito di Repubblica:

“E’ importante usare mezzi diversi, più leggeri, affascinanti”. Giuliano Pisapia.

“Ho una Bmw molto vecchia, che ho rispolverato da poco”: bravo, se la goda prima che i suoi compagni di coalizione glielo vietino…

Flattr this!

Piccoli Formigoni crescono: attenti al Lupi!

Posted by tama on December 19, 2014
Blocchi, Demagogia, Ecotalebani, Notizie, Stupidità / 2 Comments

La notizia è passata praticamente in sordina, un trafiletto sul sito del Corriere lunedi 15 dicembre, poche righe anche su quello della Gazzetta e altri quotidiani, assolutamente niente sui portali principali che si occupano di moto (ma lì potrete vedere Valentino che si diverte con i suoi amichetti al ranch, o la copertina del singolo di Jovanotti col Fifty top, o ancora i migliori regali di Natale per i motociclisti….): l’allievo supera il maestro, il Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ha dichiarato che dal 2019 saranno fuori legge i veicoli euro-0, facendo riferimento al fatto che ancora circolino autobus vecchi di 30 anni. Non era chiaro leggendo la notizia se si riferisse ai soli mezzi pubblici e veicoli delle amministrazioni pubbliche o al parco auto in generale. Invece leggendo l’articolo apparso sul blog Contagiri pare che lo stesso Lupi abbia presentato un emendamento per proibire la circolazione “per i veicoli adibiti a trasporto di persone con una massa massima non superiore a 5 tonnellate a benzina senza catalizzatore o non ecodiesel” a partire da gennaio 2019. Da notare che i mezzi pubblici inquinanti sono fin’ora stati derogati da tutti i (falliti) provvedimenti cosiddetti anti inquinamento.

Ovviamente tutti gli articoli e le pagine che trattano l’argomento parlano solo di auto, nessuno si è interessato delle moto, ma se fossero colpite da questo provvedimento allora non verrebbero fermati solo mezzi anteriori al 1992, ma al 2001, anno in cui la normativa euro-1 per le moto è entrata in vigore.

Anche sui veicoli storici non si hanno informazioni: forse il governo dopo aver deciso di eliminare le agevolazioni sul bollo di circolazione per i veicoli fra i 20 e 30 anni di età vuole vedere quanto questa operazione possa far incassare prima di decidere. A proposito: quest’estate una circolare del PRA ha cambiato le regole per la radiazione per esportazione, per cui un veicolo può essere radiato solo se viene presentata la documentazione di reimmatricolazione in un altro Stato. La radiazione per esportazione era una scappatoia per chi voleva tenere un mezzo senza pagare tasse e ovviamente senza utilizzarlo, perché permette un’eventuale reimmatricolazione in Italia. Prima si poteva demolire un mezzo consegnando solo le targhe, per motivi “affettivi”, ma ai tempi del governo Prodi, per adattarsi alle norme europee sullo smaltimento dei rifiuti speciali derivanti dalle demolizioni questa possibilità fu preclusa. Piccola curiosità: dopo l’eliminazione della possibilità di demolire un veicolo con la sola consegna delle targhe, il duo Padoa Schioppa-Pecoraro Scanio aumentò le tasse di proprietà legandole alla classe di immatricolazione anti inquinamento. Quest’anno, a pochi mesi dal cambio di regole per la radiazione per esportazione, il governo Renzi ha deciso di far pagare la tassa di proprietà anche ai mezzi di interesse storico. Come a dire: se proprio ci tieni devi pagare, non c’è altra via!

Il rammarico non è tanto che i motociclisti e i siti che trattano di motociclismo se ne stiano fregando, tanto prima o poi qualcuno risolverà il problema con una bella raccolta firme o una pagina su qualche social, piuttosto il fatto che la Lombardia oltre alle efficienze abbia iniziato ad esportare deficienze…

Flattr this!